Maremma
Maremma

Visitare Sorano, la Matera della Toscana

Sorano, la città del tufo nella Maremma grossetana

Così come Pitigliano, il borgo di Sorano è adagiato su uno sperone di tufo che garantisce un’ottima difesa naturale all’insediamento. Alle estremità del paese si elevano due imponenti baluardi difensivi: il Masso Leopoldino a nord e la Fortezza Orsini a sud. L’apparato difensivo è completato dalle mura costruite nel XII secolo dagli Aldobrandeschi.

L’abitato presenta un intreccio di vicoli, sottopassaggi e gradinate fortemente influenzato dalla morfologia del terreno. A ridosso di questo labirinto di stradine si affacciano antiche case di origine medievale che sorgono a brevissima distanza le une dalle altre. Molti di questi edifici sono stati scavati direttamente nel tufo. Questa caratteristica è valsa a Sorano la definitzione di “Matera della Toscana“.

Sorano
Sorano (Photo by Sidvics / CC BY)

Sorano cosa vedere: la visita

La Fortezza Orsini

Arrivando in città si costeggiano gli imponenti bastioni di quella che un tempo fu la rocca degli Aldobrandeschi. Passata sul finire del Duecento agli Orsini, la fortezza fu ampliata e rinforzata nel corso del XVI secolo. Oggi la Fortezza Orsini si presenta come un complesso esempio di architettura militare rinascimentale al cui interno è ospitato il Museo del Medioevo e del Rinascimento.

Orari:
29 marzo-6 ottobre: tutti i giorni (tranne lunedì) 10.00-13.00 e 15.00-19.00
7 ottobre-3 novembre: tutti i giorni (tranne lunedì) 10.00-13.00 e 15.00-18.00
Novembre-marzo: sabato-domenica 10.00-13.00 e 14.00-17.00

Biglietti:
Museo e Fortezza Orsini: 4 euro
Biglietto cumulativo (Parco archeologico “Città del tufo”, Museo del Medioevo, Fortezza Orsini e Polo Museale di Sovana con Museo di San Mamiliano): 8 euro

Sorano cosa vedere: Fortezza Orsini
Fortezza Orsini (Photo by Kritzolina / CC BY)

Il borgo

L’ingresso al centro storico avviene da Porta di Sopra, una delle due porte di accesso predisposte nella mura (l’altra è Porta dei Merli). Superata la porta si prosegue su via Giovanni Selvi e dopo pochi metri si raggiunge la chiesa di San Nicola, che si trova in posizione sopraelevata rispetto alla strada principale.

Il Masso Leopoldino

Proseguento sulla strada, si raggiunge l’area più a nord dell’abitato dove troneggia l’imponente Masso Leopoldino. Il Masso rappresenta uno degli elementi più caratteristici di Sorano; fin dal medioevo era qui presente una struttura difensiva conosciuta anche come “rocca vecchia”. Nel 1801 a seguito di una frana la rocca subì dei danni così tra il 1820 e il 1822 vennero fatti dei lavori di consolidamento. In questa circostanza venne eretta la torre dell’orologio e fu creata la grande terrazza panoramica che ancora oggi si trova sulla sommità del Masso.

Sorano cosa vedere
Veduta dal Masso Leopoldino (grossetopedia.wikia.com)

Sorano cosa vedere nelle vicinanze

Fa parte del comune di Sorano, e si trova ad una distanza di poco inferiore ai 10 chilometri, il grazioso borgo di Sovana. Nel comune di Sorano merita certamente una visita anche il Parco Archeologico “Città del Tufo”.

A sud di Sorano, a circa 3 o 4 chilometri, sono presenti alcune fonti termali note fin dal medioevo. Le Terme di Sorano oggi sono rese fruibili da uno stabilimento termale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi Privacy Policy