Val d'Orcia
Val d'Orcia

Cosa vedere San a Quirico d’Orcia e nei dintorni

San Quirico d’Orcia, un pregevole borgo della Val d’Orcia

San Quirico d’Orcia è un antico borgo murato posizionato nel cuore della stupenda Val d’Orcia, a metà strada tra Pienza e Montalcino. Si può affermare senza timore di smentita che San Quirico d’Orcia sia uno dei paesi più belli di tutta la provincia di Siena, con diversi monumenti da visitare e numerose attrazioni sparse tutte intorno. La posizione centrale nel bel mezzo della valle fa inoltre di San Quirico un ottimo punto di partenza per esplorare tutta la zona. Direi che ci sono tutte le premesse per inserire questo borgo in un itinerario in Val d’Orcia!

Val d'Orcia - Strada con cipressi
Photo by Luca Micheli

Introduzione storica

Stando a quanto è testimoniato da alcuni ritrovamenti archeologici, nel sito esisteva un insediamento di origine etrusca. Secondo alcune ricerche corrisponderebbe alla città di Ena che troviamo citata nel Liber Linteius Zagrabiensis.
Il borgo attuale si sviluppò nell’alto medioevo attorno all’antica pieve di Osenna, al cui posto oggi troviamo la Collegiata dei santi Quirico e Giulitta. La storia e le fortune di San Quirico sono in gran parte legate alla posizione sul tracciato della Via Francigena ed infatti il borgo compare tra le tappe dell’itinerario del vescovo Sigerico (fine X secolo) con il nome di “Sce Quiric”. Nel XIII secolo, San Quirico passò sotto il controllo di Siena. Durante il Quattrocento, i senesi ampliarono e ristrutturarono più volte le mura cittadine che sono in gran parte giunte fino ai nostri tempi.

Cosa vedere a San Quirico d’Orcia

Percorrendo da nord a sud la via principale del borgo, via Dante Alighieri, troviamo molti tra i principali edifici storici di San Quirico: la Collegiata, Palazzo Chigi Zondadari, la Chiesa di San Francesco e la Chiesa di Santa Maria Assunta. A questi si aggiungono il bellissimo giardino degli Horti Leonini e le mura di cui si conservano ancora ampi tratti ed una delle porte di accesso, chiamata Porta dei Cappuccini.

Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta

Antica pieve documentata fin dall’VIII secolo, l’attuale Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta fu costruita tra la fine del XII secolo e l’inizio di quello successivo. La chiesa ha una pianta a croce latina e all’esterno è caratterizzata dalla presenza di ben tre portali d’accesso, uno più bello dell’altro.

San Quirico d'Orcia cosa vedere: Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta
Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta (Photo by Zyance / CC BY)

Il più importante è quello situato in facciata, il portale maggiore, di stile lombardo, caratterizzato da un arco a tutto sesto ornato da colonne annodate che poggiano su leoni stilofori. Accanto all’ingresso troviamo due serie di colonne, 5 per lato, mentre l’architrave è decorato con un bassorilievo con coccodrilli (o qualcosa di molto simile); nella lunetta del portale troviamo una statua raffigurante San Quirico. Notevoli anche i due portali presenti sul fianco della chiesa, in particolare quello di sinistra, attribuito a Giovanni Pisano, che presenta due cariatidi poggiate su leoni ed una bella decorazione nell’architrave.

Portale Maggiore della Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta
Portale Maggiore della Collegiata (Photo by SailkoCC BY)

L’opera principale conserva nella chiesa è il polittico di Sano di Pietro, Madonna col Bambino e quattro Santi, dove sono rappresentati anche la Resurrezione e la Discesa di Cristo al Limbo, lo stemma del Comune di San Quirico e cinque episodi della Vita della Madonna. Tra le altre opere troviamo un affresco di inizio Cinquecento, Madonna della Mela, attribuito a Girolamo di Benvenuto e il dipinto di Rutilio Manetti, Madonna del Rosario che salva una ragazza dall’annegamento (1610).

San Quirico d'Orcia cosa vedere - Collegiata - Polittico di Sano di Pietro
Polittico di Sano di Pietro (Photo by EdisonblusCC BY)

Palazzo Chigi Zondadari

Costruito nel XVII secolo, il Palazzo Chigi Zondadari è oggi sede del Comune. Questo bellissimo palazzo in stile barocco, risalta per la sua facciata monumentale su cui si aprono due grandi portali. Al suo interno si conservano numerosi affreschi di pittori romani.

Proprio di fronte si trova anche il bel Palazzo Pretorio, sede dell’Ufficio Turistico, mentre alla sua destra si dirama via Poliziano che conduce fino alla Porta dei Cappuccini.

San Quirico d'Orcia cosa vedere Palazzo Chigi
Palazzo Chigi (Photo by SailkoCC BY)

Chiesa di San Francesco

La Chiesa di San Francesco fu costruita tra il 1867 ed il 1870 al posto di un precedente convento di San Francesco. La chiesa è nota anche come Chiesa della Madonna di Vitaleta perché al suo interno contiene una terracotta raffigurante la Madonna Annunciata attribuita ad Andrea della Robbia che proviene dalla Cappella della Madonna di Vitaleta. Oltre a questa importante terracotta, si possono ammirare anche due statue lignee policrome di Francesco di Valdambrino (inizio XV secolo), un Crocifisso di scuola senese (prima metà del XV secolo), l’Immacolata Concezione e la Predica di san Giovanni Battista dell’Empoli (fine XVI secolo) e la Visitazione di Ventura Salimbeni (inizio XVII secolo).

Chiesa di Santa Maria Assunta

La Chiesa di Santa Maria Assunta è un piccolo edificio in stile romanico che risale alla seconda metà dell’XI secolo. La chiesa si trova nei pressi una delle porte della città lungo il percorso della Via Francigena. Non è un caso infatti che abbia un bellissimo portale sul fianco sinistro, rivolto proprio verso quell’importantissima strada, mentre il portale sulla facciata risulta essere molto più semplice. L’interno è ad un’unica navata conclusa da un’abside; tutta la chiesa è rivestita con delle belle pietra squadrate di travertino.

Chiesa di Santa Maria Assunta a San Quirico d'Orcia
Chiesa di Santa Maria Assunta (Photo by SailkoCC BY)

Horti Leonini

Gli Horti Leonini sono un bellissimo esempio di giardino all’italiana. Il parco fu costruito intorno alla metà del Cinquecento da Diomede Leoni in un’area a ridosso delle mura cittadine, non lontano dalla Chiesa di Santa Maria Assunta. Il giardino si suddivide in due zone, una superiore più naturale ed una inferiore dove la mano dell’uomo è molto più evidente.

La parte inferiore è caratterizzata da aiuole di bosso di forma triangolare al centro delle quali sorge una statua di Cosimo III de’ Medici, realizzata da Bartolomeo Mazzuoli. Attraversando tutto il giardino si raggiungere una scalinata che conduce verso la parte superiore. Qui si trova una grande prato delimitato da un fitto bosco di lecci dove si possono vedere i resti una torre medievale che fu distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale. Scendendo dall’altra parte raggiungerete infine il grazioso Giardino delle Rose che si trova proprio alle spalle della Chiesa di Santa Maria Assunta.

San Quirico d'Orcia Horti leonini
Horti leonini

Cosa vedere nei dintorni di San Quirico d’Orcia

Cappella della Madonna di Vitaleta

Uno degli scorci più famosi della val d’Orcia vede come protagonista la Cappella della Madonna di Vitaleta. Si tratta di una piccola cappella situata sopra una collinetta lungo la strada che conduce da San Quirico a Pienza. Una foto alla cappella è d’obbligo!

San Quirico d'Orcia Cappella della Madonna di Vitaleta
Cappella della Madonna di Vitaleta (Photo by Massimo TelòCC BY)

I cipressi

Un altro degli scorci più famosi si trova a circa metà strada tra San Quirico e Montalcino. Sono un gruppo di cipressi isolati nella campagna protagonisti di innumerevoli scatti fotografici.
Per raggiungerli (da San Quirico) dovete percorrere la Strada Regionale 2 per circa 6 chilometri.

San Quirico d'orcia Cipressi
Cipressi (Photo by lo.tangeliniCC BY)

Bagno Vignoni

Poco a sud di San Quirico (a circa 5 Km) troviamo la località termale di Bagno Vignoni, un posto più unico che raro: un autentico gioiello della Val d’Orcia! Questo borgo pittoresco è caratterizzato da una grande vasca di acqua termale che fa da piazza principale creando una un’atmosfera unica, veramente imperdibile.

Poco oltre Bagno Vignoni, troviamo invece le “due torri” della Val d’Orcia: Castiglione d’Orcia e Rocca d’Orcia; infine, per completare il tour, vi consiglio assolutamente di visitare anche Radicofani.

Bagno Vignoni
Bagno Vignoni (Photo by Lepo55 / CC BY)

Come arrivare a San Quirico d’Orcia

In auto: da nord raggiungere Siena con il raccordo autostradale Firenze-Siena poi proseguire su SR2 fino a destinazione.
Da sud A1 fino all’uscita Chiusi/Chianciano Terme, poi SP146 verso Chianciano, dopo 6km svoltare su SP19 e subito sulla destra su SP40 verso Abbadia San Salvatore; dopo 10km svoltare sulla destra verso San Quirico d’Orcia.

In bus: da Siena linea 112 oppure linea 54A di Siena Mobilità.

In treno: la stazione più vicina è quella di Buonconvento, da lì si deve proseguire con il bus, linea 112 di Siena Mobilità

La straordinara campagna intorno a San Quirico d'Orcia
La straordinara campagna intorno a San Quirico d’Orcia (Photo by Enrico PighettiCC BY)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy