Crete Senesi
Crete Senesi

Cosa vedere e cosa fare a Rapolano Terme

Rapolano Terme cosa vedere nel centro termale delle Crete Senesi

Situato sulla dorsale tra la valle dell’Ombrone e la Val di Chiana, Rapolano Terme è un centro termale molto rinomato fin dal XIII secolo. Grazie ai suoi stabilimenti è uno dei principali poli di attrazione turistica delle Crete Senesi.

Le Terme di Rapolano

La presenza di sorgenti d’acqua termale ha permesso la costruzione di due stabilimenti: le terme di San Giovanni, situate ad un paio di chilometri e a sud-ovest del centro, e le terme dell’Antica Querciolaia, che si trovano ad un chilometro a nord-est.

Le acque di Rapolano sgorgano ad una temperatura di 39 gradi e sono particolarmente indicate per la cura dell’apparato respiratorio e per le malattie della pelle; sono infatti impiegate in varie cure termali come aerosol, fanghi e bagni.

Entrambi gli stabilimenti associano alle piscine termali vari servizi come centri massaggi, attività sportive e percorsi benessere di vario tipo.

Rapolano Terme cosa vedere

  • Porta dei Tintori e mura medievali
  • Chiesa di San Bartolomeo
  • Chiesa del Corpus Domini
  • Pieve di San Vittore

Porta dei Tintori e mura medievali di Rapolano Terme

Una delle vie di accesso al centro storico è la bella Porta dei Tintori, che risale al XIV secolo; nei suoi pressi possiamo ritrovare parte delle mura medievali con le torri circolari costruite dai senesi durante il Trecento. Sia all’interno che all’esterno del centro storico di Rapolano Terme si possono visitare alcune chiese interessanti.

Chiesa di San Bartolomeo

All’interno dell’abitato, in Piazza del Castellare, sorge la chiesa trecentesca di San Bartolomeo. Ormai priva di facciata, la chiesa è inglobata tra due edifici. All’interno si trovano un altare cinquecentesco ed una Madonna con Bambino e Santi di Vincenzo Rustici.

Rapolano Terme cosa vedere: Chiesa di San Bartolomeo
Chiesa di San Bartolomeo (Photo by LigaDue / CC BY)

Chiesa del Corpus Domini

Nota anche come chiesa della Fraternita, la chiesa del Corpus Domini si affaccia sulla centralissima piazza Matteotti. Questa chiesa non brilla certo per il suo esterno, che ad essere sinceri è decisamente anonimo, ma all’interno conserva alcune opere interessanti come l’affresco Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Battista e Girolamo riferibile alla bottega di Girolamo di Benvenuto, la Madonna del Rosario e i Quindici misteri del Rosario di Francesco Bartalini.

Pieve di San Vittore

Poco fuori dall’abitato, non distante dalla stazione ferroviaria, si trova la pieve di San Vittore. Si tratta di un interessante edificio in stile romanico documentato fin dall’XI secolo.
La chiesa è a tre navate con abside semicircolare; all’interno è conservato un frammento di affresco con San Ansano, della fine del Trecento e una terracotta policroma, dell’inizio del XVI secolo, raffigurante la Madonna col Bambino.

Rapolano Terme Pieve di San Vittore
Pieve di San Vittore (Photo by LigaDue / CC BY)

Cosa vedere nei dintorni di Rapolano Terme

Da Rapolano Terme è facile raggiungere alcuni borghi come Asciano, Buonconvento, Armaiolo, Serre di Rapolano e Trequanda. Nella zona non mancano inoltre i castelli come quelli di Poggio Santa Cecilia, Modanella e San Gimignanello. Una menzione speciale va anche alla straordinaria Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, un grande complesso monastico caratterizzato da un importante patrimonio artistico e librario.

Infine segnaliamo il Complesso Termale Etrusco-Romano situato in località Campo Muri. Il sito, risalente al III secolo avanti Cristo, presenta un’estensione superiore a 8.000 metri quadri e si trova nelle vicinanze delle Terme di San Giovanni.

Palazzo Gori a Serre di Rapolano
Palazzo Gori a Serre di Rapolano (Photo by LigaDue / CC BY)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy