Mugello
Mugello

La Pieve di Santa Maria a Fagna

Santa Maria a Fagna, una pieve di origine medievale anche se non sembra…

La pieve di Santa Maria a Fagna si trova a circa 2 chilometri a sud di Scarperia su una collina che sovrasta l’antica strada per Bologna che sfruttava il passo dell’Osteria Bruciata ad una quota di 257 metri; scendendo verso Firenze lungo la bolognese si raggiunge, dopo circa 3 chilometri, San Piero a Sieve. Ad ovest, nelle vicinanze della pieve, scorre il torrente Levisone che è un affluente di sinistra della Sieve. Ad est si trova la località detta “i Crocioni” che fu teatro di una grande battaglia tra i Bizantini e i Goti nel 542.

La storia della pieve

La chiesa è citata per la prima volta il 16 giugno del 1018 in occasione di una donazione fatta da un certo Rolando a sua moglie di un terzo dei suoi possessi distribuiti nei plebati di Santa Reparata a Firenze, Santo Stefano in Pane, San Piero a Sieve, San Giovanni Maggiore e Fagna in particolare alcuni di questi beni erano situati in località Ferrone, nel piviere di Fagna; altre due citazioni risalgono al febbraio del 1085. Pochi anni dopo, nel 1089, troviamo nuovamente citata la pieve in un nuovo atto di donazione: stavolta Albizzo di Rustico, consorte degli Ubaldini, cedeva tutte le sue proprietà poste nel piviere al vescovo di Firenze.

Nel XV secolo la pieve risultava essere sotto il patronato della famiglia Machiavelli. Fin dal 1592 è sepolto nella chiesa il cardinale Ottaviano Ubaldini.
Il plebato di Fagna era piuttosto esteso, nelle Rationes Decimarum degli anni 1302-1303 sono associate a questa pieve ben 10 chiese.

Pieve di Santa Maria a Fagna facciata
Facciata della Pieve di Santa Maria a Fagna

La chiesa di Santa Maria

Il complesso architettonico che include la chiesa di Santa Maria si compone di sei edifici: la chiesa, il campanile ed alcune abitazioni.

La chiesa di Fagna è un edificio mono-absidato a tre navate con la navata centrale rialzata; alcuni autori ritengono che sia tra le più antiche chiese romaniche del Mugello datandola alla fine dell’XI secolo. Un’imponente opera di restauro condotta nel 1770, mentre era pievano Francesco Reggioli, ha occultato le murature medievali dell’edificio che oggi si presenta completamente intonacato ad eccezione del catino absidale.

Informazioni utili

Indirizzo

Via di Fagna, Scarperia e San Piero (FI)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi Privacy Policy