Siena
Siena

Guida introduttiva al Palio di Siena

Il Palio di Siena, molto più di una corsa di cavalli

Il Palio di Siena è probabilmente la più famosa manifestazione del suo genere in Italia. Sebbene siano molti i turisti che accorrono in città per assistere all’evento, il Palio non è organizzato a scopo turistico o come semplice rievocazione storica. Il Palio a Siena è una cosa attuale e seria, per i senesi i due Palii sono gli eventi più importanti dell’anno ed è per questo motivo che si riuniscono due volte all’anno in  Piazza del Campo

Come nasce il palio di Siena

Le origini del Palio sono da ricercare in quelle corse di cavalli documentate fin dal 1200 e nell’antico Palio di San Bonifazio citato in date ancora più remote. Nel corso del Medioevo il Palio diventò l’atto conclusivo delle feste in onore dell’Assunzione di Maria. Inizialmente il Palio era corso dai nobili cittadini che si cimentavano in una gara su un percorso lineare che si concludeva in Piazza del Duomo. Era il cosiddetto Palio alla lunga. Per ritrovare il Palio nella forma che conosciamo, dobbiamo arrivare nel XVII secolo, quando fu spostato sul circuito di Piazza del Campo (Palio alla tonda).

Quando si svolge il Palio di Siena

Come dicevamo, non c’è un unico Palio ma due. La prima corsa dei cavalli, detta “carriera”, si svolge il 2 luglio in onore della Madonna di Provenzano e la seconda il 16 agosto per l’Assunzione. Ma il Palio non è soltanto una corsa, ogni palio è preceduto da vari eventi che si svolgono nell’arco di 4 giorni e che iniziano con l’assegnazione dei cavalli alle contrade. In occasione di alcune ricorrenze particolari o di avvenimenti eccezionali può essere organizzato anche un terzo Palio “straordinario”.

Gli orari previsti di partenza delle corse sono le 19.30 a luglio, e le 19 ad agosto. Molto spesso però si registrano ritardi nelle partenze dovuti al protrarsi della Mossa (la partenza).

Palio di Siena La Sbandierata della Vittoria
La Sbandierata della Vittoria (Autore Roberto Vicario)

Le contrade del Palio di Siena

Possiamo considerare le contrade come i rioni della città. Attualmente se ne contano 17 ma in passato sono state 23, le 6 contrade mancanti sono note come “contrade soppresse”.
Le contrade sono: Aquila, Bruco, Chiocciola, Civetta, Drago, Giraffa, Istrice, Leocorno, Lupa, Nicchio, Oca, Onda, Pantera, Selva, Tartuca, Torre e Valdimontone.
Le contrade soppresse: Gallo, Leone, Orso, Quercia, Spadaforte e Vipera.

Palio di Siena Istrice
Istrice, Chiocciola, Lupa etc.

Ad ogni Palio partecipano 10 contrade stabilite secondo un regolamento che garantisce alle 7 contrade che hanno saltato un palio di partecipare a quello dell’anno seguente, le restanti 3 vengono sorteggiate.

Il conteggio delle vittorie del Palio va avanti dal 1600 ed al momento, dopo 657 corse disputate, la contrada che ha vinto di più è quella dell’Oca con un totale di 63 successi.

Palio di Siena fantini
Onda, Oca e Chiocciola

Il regolamento del Palio di Siena

Il regolamento, così come il Palio stesso, ha un’origine remota ed ancor oggi sono valide alcune regole che risalgono al 1644. Cerchiamo di spiegarne alcuni punti salienti.

Come vengono assegnati i cavalli:

L’assegnazione dei cavalli alle Contrade (detta Tratta) avviene durante la mattina del terzo giorno che precede quello del Palio. Possiamo sintetizzare questo procedimento in 3 fasi: presentazione, scelta e assegnazione dei cavalli.
Presentazione: La prima fase consiste nella presentazione dei cavalli. I proprietari di cavalli idonei per il Palio li possono proporre per partecipare. Qualora venisse proposto un numero insufficiente di cavalli, il Comune provvederebbe a procurare i cavalli mancanti.
Scelta: A seguito di alcune prove e visite veterinarie vengono scelti i 10 cavalli partecipanti a cui viene assegnato un numero. I cavalli prescelti vengono poi condotti in un recinto predisposto nei pressi del Palazzo Comunale.
Assegnazione: L’assegnazione avviene in pubblico su un palco allestito dal Comune. Per l’occasione vengono allestite due urne: la prima contiene delle tessere numerate che identificano i cavalli, mentre nella seconda sono poste le tessere relative alle contrade partecipanti. Di volta in volta viene estratto prima un cavallo e poi una contrada creando così i vari accoppiamenti.

Le posizioni di partenza:

Anche le posizioni di partenza sono frutto di un sorteggio che è reso noto solo al momento dell’ingresso in piazza dei cavalli. I primi 9 cavalli si dispongono in fila tra due canapi che segnano il punto di partenza della gara (la “mossa”); il decimo cavallo parte “di rincorsa” alle spalle degli altri lungo l’esterno della pista. Nel momento in cui questo cavallo entra nella zona delimitata dai canapi la corsa ha inizio.

Palio di Siena Mossa
La “Mossa”

Come funziona il Palio di Siena

Una volta che i cavalli si sono disposti lungo la partenza nell’ordine che è stato sorteggiato, il Mossiere dà avvio alla gara che si compone di 3 giri completi della piazza. Il primo cavallo che completa il percorso vince. Fondamentale sottolineare che è il cavallo che vince, infatti se per caso il fantino dovesse cadere, il cavallo (detto cavallo “scosso”) potrebbe comunque proseguire e vincere come è già successo in passato!

Palio di Siena Corsa
Aquila e Selva

Cosa vince il vincitore del Palio di Siena

Al vincitore viene assegnato in premio un Palio (ovvero un drappellone di seta dipinto). Oltre al drappellone dipinto, il Comune consegna alle Contrade vincitrici un premio di 70 monete d’argento per il Palio del 2 luglio, e uno di 50 monete per quello del 16 agosto. Le monete in questione riproducono quelle dell’antica Repubblica Senese.

Drappellone Palio di Siena Agosto 2016
Drappellone del Palio di Siena di agosto 2016 realizzato dall’artista belga Jean-Claude Coenegracht. (credit sienafree.it)

Adesso, ti starai chiedendo: “come posso partecipare al Palio di Siena?”

Potrebbe interessarti anche...

5 borghi da visitare assolutamente nei dintorni di Siena
Guida alla visita di Monticiano in provincia di Siena
Chiusdino in Val di Merse, il borgo di San Galgano

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cliccando sull'apposito tasto acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy