Maremma
Maremma

Cosa vedere ad Orbetello e nei dintorni

Orbetello, tra mare e… mare

Affacciata sull’omonima laguna, Orbetello è una delle principali località turistiche dell’Argentario e della Maremma. La città sorge su un lungo lembo di terra proprio al centro della laguna che si estende tra la terraferma ed il monte Argentario a cui Orbetello è collegata attraverso una diga artificiale.

Orbetello è protagonista di una lunga serie di vicende storiche. Il suo territorio fu abitato fin dal tempo degli Etruschi, poi soppiantati dai romani che fondarono la città di Cosa nei pressi di Ansedonia. Durante il medioevo fece parte dei possedimenti dell’Abbazia delle Tre Fontane, poi degli Aldobrandeschi, degli Orsini ed infine della Repubblica di Siena. Dopo la fine dello stato senese (XVI secolo), Orbetello entrò a far parte dello stato dei Presidi di Spagna. Nel 1707 il suo territorio passò sotto il controllo degli austriaci, ma nel 1736 diventò parte del Regno di Napoli. Nel XIX secolo Orbetello fu incorporata nel Regno di Etruria prima, nel granducato di Toscana poi, ed infine nel Regno d’Italia.

Oggi Orbetello è una rinomata località marittima in grado di associare alle sue numerose spiagge alcune aree naturali, dei siti archeologici e vari monumenti.

Cosa vedere ad Orbetello

  • Mulino spagnolo
  • Museo Archeologico di Orbetello
  • Duomo di Orbetello
  • Frontone di Talamone
  • Chiesa della Madonna delle Grazie

Mulino Spagnolo

Il Mulino Spagnolo è forse il monumento più noto di Orbetello. Posizionato in mezzo all’acqua a breve distanza dalla costa, si tratta dell’unico superstite tra i 9 mulini ad acqua che furono costruiti dai senesi e successivamente restaurati dagli spagnoli. Per ammirare questo grazioso mulino dovete raggiungere l’estremità occidentale di Orbetello dove inizia la diga che porta fino all’Argentario.

Orbetello cosa vedere: Mulino Spagnolo
Mulino Spagnolo ad Orbetello

Museo Archeologico di Orbetello

Il Museo Archeologico di Orbetello si trova all’interno della Polveriera Guzman, un interessante edificio rettangolare rinforzato da alcune torri laterali, costruito alla fine del XVII secolo. Il museo espone una grande collezione di reperti archeologici, che vanno dal neolitico fino all’età romana, provenienti per lo più da Orbetello e Talamone.

Indirizzo: via Mura di Levante 7

Orari:
Gennaio – Marzo: sabato 14.30-17.30 domenica e festivi 10.00-13.00
Aprile – Giugno: sabato 16.00-19.00; domenica e festivi 10.00-13.00 e 16.00-19.00
Luglio – Agosto: sabato, domenica e festivi 18.00-22.00
Settembre: sabato 16.00-20.00 domenica e festivi 9.00-13.00 e 16.00-20.00
Ottobre – Dicembre: sabato 14.30.17.30; domenica e festivi 10.00.13.00

Biglietto: gratuito

Sito ufficiale

Orbetello - Museo Archeologico

Se siete appassionati di archeologia, vi consiglio anche di fare un giro per la città alla ricerca delle antiche mura di Orbetello, che furono costruite in epoca etrusca per poi essere rinforzate a più riprese nel corso dei secoli.

Mura di Orbetello
Mura di Orbetello (Photo by Mac / CC BY)

Duomo di Orbetello

Il Duomo di Orbetello, o Concattedrale di Santa Maria Assunta, fu costruito a partire dal XIII secolo e, secondo la tradizione, sorgerebbe sopra un precedente tempio pagano. In facciata si può ammirare un notevole portale tardo gotico ed un busto di Gesù benedicente posizionato al di sopra del rosone. L’interno, a tre navate, è arricchito dalla cappella di San Biagio, monumento di epoca barocca di notevole interesse.

Orbetello cosa vedere: il Duomo
Duomo di Orbetello (Photo by Sailko / CC BY)

Il Frontone di Talamone

Sulla stessa piazza su cui si affaccia il Duomo, troviamo l’ex convento delle Clarisse (oggi Caserma Umberto I). L’edificio, sede della biblioteca comunale e della Pro Loco, ospita al suo interno la Mostra Permanente del Frontone di Talamone, dedicata al prestigioso reperto proveniente dal tempio etrusco di Talamonaccio. Risalente al 150 a.C. il frontone di Talamone offre la più importante raffigurazione della storia dei “Sette contro Tebe” che sia giunta fino a noi.

Il frontone di Talamone
Il frontone di Talamone (Photo by Tetraktys / CC BY)

Chiesa della Madonna delle Grazie

Ad Orbetello, infine, c’è da segnalare la chiesa della Madonna delle Grazie. Fondata, pare, nel XIII secolo, la chiesa è stata nel tempo completamente rifatta. All’interno troviamo un dipinto settecentesco Madonna col Bambino in gloria tra angeli e due interessanti affreschi quattrocenteschi di scuola senese: Madonna di Costantinopoli e Madonna delle Grazie.

Le spiagge di Orbetello

Orbetello ha due spiagge che corrono parallele lungo le due estremità della laguna: la spiaggia della Feniglia (lato sud) e la spiaggia della Giannella (lato nord). Sia la spiaggia della Feniglia, di cui abbiamo già parlato nell’articolo su Porto Ercole, che la spiaggia della Giannella sono due lunghe strisce di sabbia (rispettivamente 7 e 8 km) che collegano l’Argentario alla terraferma. Entrambe le spiagge sono caratterizzate da fondali bassi e dall’alternanza di stabilimenti balneari a tratti di spiaggia libera. L’ideale per una vacanza con bambini!

Spiaggia della Feniglia ad Orbetello
Spiaggia della Feniglia (Photo by Raimond SpekkingCC BY)

Cosa vedere nelle vicinanze di Orbetello

Fanno parte del comune di Orbetello alcuni centri molto interessanti come Ansedonia e Talamone; due località in grado di coniugare perfettamente mare e cultura, una caratteristica che le accomuna a tutti i vari centri dell’Argentario e della costa maremmana.

Gli amanti della natura non hanno che l’imbarazzo della scelta; nella zona infatti ci sono diverse aree naturali protette, tra queste citiamo la Riserva naturale Duna Feniglia, il Parco della Maremma e l’Oasi WWF Laguna di Orbetello. In particolare, la laguna di Orbetello è un’importante area di svernamento per molte specie di uccelli tra cui il cormorano, l’airone, il fenicottero, il falco pescatore ed il cavaliere d’Italia.

Laguna di Orbetello
Laguna di Orbetello (Photo by Leonardo Mambrini / CC BY)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi Privacy Policy