Tuscany Planet
Tuscany Planet

Montecatini Terme in Valdinievole cosa vedere

Dopo aver parlato di località come Saturnia, Chianciano e Rapolano, proseguiamo il nostro viaggio nel mondo delle terme parlando di una delle più rinomate località termali della Toscana: Montecatini Terme.

Montecatini Terme: nascita di una località termale internazionale

La storia delle terme di Montecatini ha inizio nella seconda metà del Settecento. In quel periodo al governo del Granducato di Toscana c’era il Granduca Pietro Leopoldo che ebbe un ruolo importante nella storia di Montecatini dato che condusse delle necessarie opere di bonifica nell’area della Valdinievole. Queste bonifiche furono fondamentali per lo sviluppo della città che sul finire del XVIII secolo venne strutturata lungo grandi viali alberati che ritroviamo ancora oggi.

Montecatini Terme acquisice definitivamente il ruolo di località termale di prestigio all’inizio del Novecento. Questo è il periodo a cui si deve ricondurre la nascita dei grandi hotel e di molte strutture legate allo svago ed al relax. Siamo ai primi del novecento e lo stile che va per la maggiore è quello che in Italia è denominato Liberty; ed infatti a Montecatini possiamo ancora apprezzare numerosi edifici contraddistinti dalla grazia e dall’eleganza dello stile Liberty.

Montecatini Terme cosa vedere: Excelsior
Terme Excelsior (Photo by Sailko / CC BY)

Le acque di Montecatini

Le acque termali di Montecatini sono alimentate quattro sorgenti: Leopoldina, Regina, Tettuccio e Rinfresco. Ognuna di queste acque ha delle proprietà specifiche che sono impiegate per la cura di vari disturbi relativi soprattutto al fegato ed all’intestino.

Montecatini Terme cosa vedere

Iniziamo la nostra visita dalla piazza principale, Piazza del Popolo, che è posizionata a breve distanza dalla stazione ferroviaria Montecatini Centro. Dalla piazza si origina viale Verdi ovvero il principale asse stradale cittadino; lungo questo bel viale alberato troviamo tutti i principali monumenti ed i centri termali di Montecatini.

Superato il primissimo tratto del viale si raggiungono la Palazzina Regia (1783) voluta da Pietro Leopoldo ed il Palazzo comunale all’interno del quale ha sede il Museo MO. C. A (Montecatini Contemporary Art).

Montecatini Terme cosa vedere: Palazzo Comunale
Palazzo Comunale di Montecatini Terme (Photo by Sailko / CC BY)

Proseguendo sul tratto finale di viale Verdi troviamo l’Excelsior, il primo degli stabilimenti termali, le Terme Leopoldine (1777) e gli stabilimenti Tamerici (1901) e Regina (anni ’20). Poco più avanti, al termine del viale, arriviamo al monumentale Tettuccio costruito in forme neoclassiche nel 1779. Un altro stabilimento, le Terme Redi, si trova in

Montecatini Terme cosa vedere: Terme Tettuccio
Terme Tettuccio (termemontecatini.it)

Verso Montecatini Alto

A questo punto non resta prendere la funicolare per salire verso Montecatini Alto. La stazione della funicolare si trova in viale Diaz, poco oltre la sede del Museo di arte contemporanea dell’Accademia d’arte “Dino Scalabrino”. L’accademia possiede una grossa raccolta di opere prodotte dall’Ottocento in poi di artisti sia italiani che stranieri.

Funicolare per Montecatini Alto
Funicolare per Montecatini Alto (Photo by Alex Janssen / CC BY)



Booking.com

Potrebbe interessarti anche...

Alle porte della Toscana: cosa vedere a Pontremoli
Visitare Castelnuovo di Val di Cecina e i suoi dintorni
Cosa vedere a Collodi, la casa di Pinocchio

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cliccando sull'apposito tasto acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy