Firenze
Firenze

Il Giardino di Boboli a Firenze

Il Giardino di Boboli: un museo a cielo aperto

Il Giardino di Boboli è uno dei più importanti esempi di giardino rinascimentale all’italiana. Dotato di un cospicuo patrimonio botanico ed architettonico, Il Giardino di Boboli è da considerarsi come un vero e proprio museo a cielo aperto.

Un giardino ricco di storia ed in grado di incantare i visitatori grazie alle spettacolari sequenze prospettiche create dagli architetti che lo hanno ideato e realizzato.

Il parco, proclamato Patrimonio Unesco nel giugno del 2013, si estende su un’area di circa 45.000 m².

Pitti Giardino di boboli Belvedere
Giusto Utens – Veduta di Palazzo Pitti e Boboli (1599)

Perché si chiama giardino di Boboli?

Sull’origine del nome del giardino abbiamo raccolto due ipotesi: secondo la prima il nome sarebbe la contrazione del cognome della famiglia Borgolo, che aveva possedimenti in questo territorio; la seconda ricostruzione riporta che il nome Boboli era quello utilizzato per identificare la zona di via Romana, dove si trova il giardino, in epoca medievale.

La storia

Il giardino come lo vediamo ora è il frutto di numerosi interventi che si sono susseguiti dalla sua creazione nel XVI secolo fino al XIX secolo.

Boboli nasce alla metà del Cinquecento quando prende il posto di precedenti spazi agricoli situati dietro a Palazzo Pitti e lungo via Romana fino alla porta cittadina. Il progetto iniziale fu affidato da Cosimo I de’ Medici a Niccolò Pericoli detto il Tribolo. Successivamente, altri grandi personaggi si alternarono nella creazione del parco. Tra questi troviamo Vasari, Ammannati, Giambologna e Buontalenti.

Giardino di Boboli Anfiteatro e Forte Belvedere
L’Anfiteatro con al centro l’obelisco egizio (Photo by Sailko / CC BY)

La visita

Come si entra nel Giardino di Boboli

Il parco ha vari accessi, quello principale è attraverso Palazzo Pitti. Al giardino si accede superando il cortile interno del palazzo (cortile dell’Ammannati) posizionato proprio alle spalle dell’ingresso principale.

Mappa del Giardino di Boboli
Mappa del Giardino di Boboli (click per ingrandire)

Cosa vedere nel giardino di Boboli

La prima parte del parco, dominata da Forte Belvedere, è organizzata intorno all’Anfiteatro e alla Fontana del Nettuno nota anche “Vasca del Forcone” o “Fontana della forchetta” a causa del tridente impugnato da Nettuno. Nella parte più ad est troviamo l’elegante Kaffeehaus costruita tra il 1774 e il 1775. Continuando a salire oltre il Nettuno si raggiungono il Giardino del Cavaliere e il Casino del Cavaliere (sede del Museo delle Porcellane).

Giardino di Boboli Kaffeehaus
Kaffeehaus (Photo by Sailko / CC BY)

La seconda parte del giardino è tagliata longitudinalmente dal Viottolone, un ampio viale alberato che ci conduce attraverso una discesa verso la parte finale del parco. Al termine del Viottolone si giunge alla Vasca dell’Isola; una grande vasca ovale con al centro un’isola raggiungibile attraverso due passaggi. Poco oltre, nella zona più vicina a Porta Romana, c’è il Prato delle Colonne.

Giardino di Boboli Viottolone
Il Viottolone (Photo by Dimitris Kamaras/ CC BY)

Sul lato più vicino a via Romana troviamo due strutture interessanti: la Limonaia e la Palazzina della Meridiana, che attualmente è la sede della Galleria del Costume.

Giardino di Boboli - La Limonaia
La Limonaia (Photo by Sailko / CC BY)

Informazioni utili

Dove si trova il Giardino di Boboli

L’accesso principale al Giardino è in Piazza Pitti. Oltre all’ingresso da Palazzo Pitti, ci sono altre tre entrate: da Forte Belvedere, da Via Romana 37/a (entrata Annalena) e da Porta Romana.

Come arrivare al Giardino di Boboli

La zona in cui si trova Boboli non è molto comoda da raggiungere in auto, sia perchè è soggetta a limitazioni di traffico sia per le diffoltà di parcheggio. Uno dei parcheggi più vicini si trova nei pressi di Porta Romana.

Le linee di autobus (ATAF) che arrivano nella zona sono la 11, e la D; entrambe le linee passano dalla Stazione Centrale.

Regolamento del Giardino di Boboli

Al fine di preservare il parco è stato introdotto un regolamento che disciplina il comportamento dei visitatori. Tra le altre cose è vietato portare cani ed altri animali, giocare con il pallone o introdurre mezzi di trasporto come biciclette, skateboard etc.

Se avete bambini, portateli a visitare Boboli, però teneteli sempre sotto controllo, ricordatevi che non è un giardino come gli altri!

Orari

Il giardino è aperto tutti i giorni
Novembre- Febbraio: 8.15 – 16.30
Marzo: 8.15 – 17.30
Aprile-Maggio e Settembre-Ottobre: 8.15 – 18.30
Giugno-Agosto: 8.15 – 19.30

Chiusure: primo e ultimo lunedì del mese, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre.

Biglietti

Il biglietto comprende anche l’ingresso al Museo delle Porcellane e al Giardino Bardini.

Prezzi: Intero 7 euro, ridotto 3,50 euro
In occasione di mostre temporanee, il prezzo è di 10 euro per l’intero e 5 per il ridotto.

Ingresso libero ogni prima domenica del mese.

I residenti del Comune di Firenze possono accedere gratuitamente entrando da Via Romana e da Porta Romana.

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale.

Dove mangiare vicino al Giardino di Boboli

Nel quartiere di San Frediano ci sono molti locali e ristoranti per tutti i gusti e tutte le tasche. Tra questi citiamo la pizzeria Gustapizza, la Trattoria I’Raddi e Il Santo Bevitore.



Booking.com

Potrebbe interessarti anche...

Koto Ramen Borgo San Frediano
Firenze Rocks 2017: come è andata
Le torri di Firenze, visita ai baluardi difensivi della città

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cliccando sull'apposito tasto acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy