Tuscany Planet
Tuscany Planet

Guardistallo in provincia di Pisa

Guida alla scoperta di Guardistallo

Guardistallo è un piacevole paesino della provincia di Pisa che si trova nell’entroterra della Costa degli Etruschi a circa 13 chilometri dal mare. Il centro sorge in una zona collinare (278 metri sul livello del mare) in un’area che è stata abitata fin dalla preistoria. Agli inizi del Novecento infatti, qui furono rinvenute alcune tombe risalenti al terzo millennio avanti Cristo che hanno restituito diversi reperti tra cui asce, pugnali di rame e punte di freccia che oggi sono conservati al Museo Guarnacci di Volterra.

Non abbiamo notizie di Guardistallo in epoca romana mentre dal toponimo si può intuire che la fondazione si di epoca longobarda. Il nome Guardistallo viene infatti da due parole germaniche: “warda” (guardia) e “stall” (luogo). In epoca medievale il borgo fece parte dei domini dei Conti della Gherardesca che qui avevano un castello fino a quando, nel 1154, fu donato al vescovo di Volterra.

Dopo un lungo periodo in cui Guardistallo fu nell’orbita di Pisa, nel 1406 entrò a far parte dei domini di Firenze. In epoca granducale fu concesso in feudo al marchese Ginori insieme ai territori di Cecina, Riparbella, Casale e Bibbona.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Guardistallo si distinse come centro di Resistenza e per questo subì una dura rappresaglia da parte dei soldati tedeschi che nel giugno del 1944 uccisero 63 persone, per lo più civili. Grazie al coraggio dimostrato dai suoi abitanti, nel 1996 il Comune di Guardistallo è stato decorato con la medaglia di bronzo al merito militare e nel 1997 con la medaglia di bronzo al valor civile.

Chiesa dei Santi Lorenzo e Agata a Guardistallo
Chiesa dei Santi Lorenzo e Agata (Photo by Tyrrhenus / CC BY)

Cosa vedere a Guardistallo

  • Chiesa dei santi Lorenzo e Agata
  • Teatro Marchionneschi
  • Chiesa della Madonna del Carmine
  • Monastero di Nostra Signora di Valserena

Tra le cose più interessanti da vedere a Guardistallo c’è la Chiesa dei Santi Lorenzo e Agata. La chiesa attuale è il frutto della ricostruzione del 1870 avvenuta in seguito al terremoto che nel 1846 devastò molti edifici tra cui la vecchia chiesa ed il castello del quale oggi restano solo alcune tracce. Un’ altro edificio degno di interesse è il Teatro Marchionneschi; inaugurato l’11 agosto del 1883, questo teatro si fa apprezzare per la sua ottima acustica ed è utilizzato per spettacoli di vario genere ma anche come sede di convegni e laboratori. Tra i monumenti principali del paese troviamo anche la Chiesa della Madonna del Carmine ed il Monastero di Nostra Signora di Valserena sede di una comunità di monache appartenenti all’ordine dei Cistercensi.

Chiesa della Madonna del Carmine a Guardistallo
Chiesa della Madonna del Carmine (Photo by Sailko / CC BY)

Eventi e tradizioni a Guardistallo

La zona di Guardistallo è nota per la produzione di olio d’oliva e a primavera nel paese viene organizzata la Sagra della Crogiantina, che da altre parti della Toscana è nota come “fettunta”, ovvero pane abbrustolito condito con aglio e olio a crudo. Nel periodo di Natale invece, Guardistallo diventa il paese dei mille presepi che vengono allestiti dagli abitanti lungo le vie e nelle piazze.

Cosa vedere nelle vicinanze di Guardistallo

Nelle vicinanze di Guardistallo ci sono diversi paesi interessanti da visitare. Tra questi citiamo Montescudaio, senz’altro uno dei borghi più belli di tutta la provincia di Pisa, Riparbella e Casale Marittimo.

Come arrivare a Guardistallo

In auto: Guardistallo si trova a circa 70 chilometri di distanza da Pisa. Per raggiungere il centro in auto, conviene prendere l’autostrada A12 fino all’uscita Cecina Centro e poi proseguire sulla strada provinciale fino a destinazione (ultimi 9 km).

In treno: la stazione ferroviaria più vicina è quella di Cecina, da lì dovrete per forza proseguire in autobus (per info CTT Nord Livorno)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy