Valdarno
Valdarno

Come visitare il Castello di Sammezzano

Il Castello di Sammezzano ed il suo parco

Il Castello di Sammezzano è un castello moresco situato nel Valdarno Superiore a pochi chilometri da Firenze ma è un castello fuori dal comune, diverso per stile e storia dagli altri castelli presenti nel territorio….

Innanzitutto bisogna precisare che,  purtroppo, è visitabile solo una/due volte all’anno e solo le prime 750 persone che riescono a compilare il form di partecipazione, nei pochi secondi messi a disposizione, hanno diritto di vedere questa meraviglia architettonica.

Come visitare il Castello di Sammezzano

Questa sembra una sfida impossibile più che un’escursione domenicale! E siccome a noi piacciono le sfide…ci abbiamo provato!

Sognato, progettato, finanziato e realizzato dal marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona in circa 40 anni, il Castello è rimasto di proprietà della famiglia Panciatichi sino alla cessione ad una Società italo-inglese che oggi ne è proprietaria ma che ha deciso di chiudere il Castello ed il Parco annesso  in attesa che si realizzi un ambizioso piano di recupero e valorizzazione.

Come visitare il castello di Sammezzano

Ma è grazie ad un eroico manipolo di volontari,  il Comitato FPXA 1813-2013, che è possibile visitare questo Castello dalla bellezza travolgente. La cosa però non è così semplice. Il Comitato, che ricordiamo essere un’organizzazione senza scopo di lucro, deve chiedere, infatti, l’autorizzazione all’attuale proprietà per poter organizzare una giornata di visite guidate all’interno del castello ma questa autorizzazione non è detto che venga concessa se non all’ultimo secondo. Ed è così che si mette in moto la macchina dei volontari del Comitato FPXA che, tramite il loro sito e la loro fanpage di Facebook, comunicano l’apertura straordinaria del Castello indicendo una lotteria online. Infatti, essendo il Castello abbandonato e privo di ogni sicurezza, il Comitato FPXA può garantire l’accesso solo a 750 persone nell’arco dell’intera giornata.

Pochi giorni prima la data della visita viene comunicatata l’apertura del castello e vengono fornite le istruzioni su come procedere all’iscrizione-lotteria. Verrà segnalata una pagina web contenente un form da compilare online che resterà aperta sino a che non saranno esauriti i posti. Questo significa che il tempo per compilare il form di partecipazione si aggira intorno al minuto!
Pronti alla nostra postazione di comando, abbiamo aspettato l’ora di apertura del form on line ed in 55 secondi(!) abbiamo compilato il form di partecipazione. (Piccolo consiglio: tenete a portata di copia/incolla i vostri dati e la vostra e-mail così da non doverla riscrivere e perdere del tempo prezioso).

I risultati della selezione…

Dopo poche ore, tramite il sito e la fanpage, è stato pubblicato l’elenco dei fortunati partecipanti. Con nostro grandissimo stupore, visto che non pensavamo che il Castello di Sammezzano potesse essere oggetto di incredibile attrazione, abbiamo notato come vi fosse la presenza di partecipanti dagli Stati Uniti, dalla Germania, da tutta Italia e da molti altri Paesi stranieri. Il dato che più ci ha colpito sono state le 3500 richieste inoltrate nel minuto di tempo cui il form è rimasto attivo.
Essendoci organizzati con più computer e diverse postazioni,  siamo riusciti a rientrare (per un pelo!) nella lista dei partecipanti.

Castello di Sammezzano

Successivamente ci viene assegnato l’orario di ingresso alla visita e le indicazioni per arrivare al Castello.
Il Castello è situato su una collina in località Leccio, una piccola frazione nel Comune di Reggello (FI). Per accedervi bisogna lasciare i propri mezzi in paese e poi fare una passeggiata di circa 30 minuti attraverso il Parco del Castello.  Vi conviene lasciare l’auto anche presso il centro commerciale The Mall che si trova alle pendici della collina ed avventurandovi in direzione del Castello incontrerete poi le indicazioni per il sentiero. Sentiero che vi lascerà a bocca aperta a causa della particolare flora presente all’interno del parco. Vi potete ammirare infatti sequoie centenarie e piante esotiche. Il marchese Ferdinando Panciatichi era infatti anche un appassionato di botanica e non ha voluto privare il suo parco di contanta bellezza.

Arrivati all’ingresso principale vi saranno i volontari del Comitato FPXA ad attendervi e vi accompagneranno all’interno del Castello condividendone i segreti e le bellezze. Terminata la visita guidata potete riposare e aggiornare la vostra moleskine nel parco antistante l’ingresso. Per il resto lascio a voi giudicare e commentare.

Castello di Sammezzano

Castello di Sammezzano

Castello di Sammezzano

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi Privacy Policy