Val d'Elsa
Val d'Elsa

Guida alla visita di Castelfiorentino

Castelfiorentino in Val d’Elsa

Castelfiorentino è una gradevole cittadina della provincia di Firenze situata su una bassa collina nel cuore della Val d’Elsa, lungo l’antico tracciato della Via Francigena.

Sorta sui resti di un insediamento romano, il borgo fu prima feudo dei Cadolingi e poi dei Conti Alberti fino a quando, nel corso del XII secolo, non entrò a far parte dei possedimenti del vescovo di Firenze. A causa della sua posizione a breve distanza dai confini con i territori di Pisa e Siena, Castelfiorentino acquisì rapidamente una grande importanza strategica per la città di Firenze. A testimonianza di questo ruolo abbiamo il nome Castelfiorentino che fu attribuito dai fiorentini nel 1149 (prima la città si chiamava Castelvecchio) e la presenza del giglio di Firenze nel gonfalone della città.

Lungamente coinvolta nelle guerre fiorentine, nel 1260 la città ospitò la firma della pace tra Firenze e Siena all’indomani della battaglia di Montaperti. Nel 1521 però la città fu quasi distrutta dalle truppe dell’impero spagnolo; da quel momento la città visse un lungo periodo di decadenza che si arrestò solo nel Settecento con i Lorena alla guida del Granducato di Toscana.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale infine, Castelfiorentino fu insignita della Medaglia d’argento al valor civile per essersi distinta nella resistenza al regime fascista.

Cosa vedere a Castelfiorentino

Oggi Castelfiorentino è una vivace cittadina che presenta diversi punti d’interesse, vediamo insieme quali:

Teatro del Popolo

La visita a Castelfiorentino inizia nella parte bassa della città, in particolare nella grande piazza intitolata ad Antonio Gramsci, dove troviamo il Teatro del Popolo. Costruito nella seconda metà del diciannovesimo secolo, questo è il teatro più antico di tutta la Val d’Elsa nonché uno dei principali punti di riferimento della città.

Museo BEGO – Benozzo Gozzoli

Il Museo Benozzo Gozzoli si trova all’interno di una struttura molto moderna in via Testaferrata a due passi dalla stazione ferroviaria di Castelfiorentino. Inaugurato nel 2009, il museo è nato per preservare gli affreschi ed i relativi disegni preparatori di due grandi tabernacoli affrescati, il Tabernacolo della Madonna della Tosse ed il Tabernacolo della Visitazione, realizzati da Benozzo Gozzoli tra il 1484 ed il 1491.

Tabernacolo della Madonna della Tosse
Tabernacolo della Madonna della Tosse (Photo by Sailko / CC BY)

Orari:
lunedì e venerdì 9.00-13.00
martedì e giovedì 16.00-19.00
sabato, domenica e festivi 10.00-12.00 e 16.00-19.00

Biglietti:
intero 3 euro, ridotto 2 euro
Biglietto cumulativo con il Museo d’Arte sacra di Santa Verdiana a Castelfiorentino: intero 4 euro, ridotto 3 euro

Sito Web

Chiesa di San Francesco

A Castelfiorentino ci sono diverse chiese interessanti da visitare; la prima di queste è la duecentesca Chiesa di San Francesco che al suo interno conserva diverse opere d’arte notevoli come la Madonna col Bambino di Taddeo Gaddi ed altre opere realizzate da Cenni di Francesco e Giovanni del Biondo oltre a vari altri affreschi datati tra il XV ed il  XVIII secolo.

Castelfiorentino cosa vedere: Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Francesco (Photo by Sailko / CC BY)

Santuario di Santa Verdiana

Il maestoso Santuario di Santa Verdiana (XVIII secolo) è un bellissimo e raro esempio di stile gotico in Val d’Elsa. Secondo la tradizione, il complesso fu costruito sopra il romitorio in cui Santa Verdiana trascorse gli ultimi anni della sua vita; ancora oggi è possibile accedere ad una cella sotterranea che sarebbe quella in cui la santa si ritirava per pregare.

L’esterno presenta un’elegante facciata bicroma arricchita da un bel portico ed alcune statue. L’interno, a tre navate, conserva affreschi di Alessandro Gherardini e Agostino Veracini ed alcuni dipinti tra cui La Vergine assunta tra i santi Antonio abate e Verdiana di Jacopo Chimenti detto l’Empoli e La benedizione di santa Verdiana di Giovan Battista Guidoni.

Santuario di Santa Verdiana
Santuario di Santa Verdiana (Photo by Vignaccia76 / CC BY)

Accanto alla chiesa troviamo anche il Museo di Santa Verdiana, un piccolo museo di arte sacra che conserva alcune opere importanti come la Madonna di Castelfiorentino attribuita a  Cimabue, la Madonna col Bambino tra i santi Giovanni evangelista, Giovanni Battista, Zanobi e Jacopo di Taddeo Gaddi ed altre opere provenienti dalle chiese del territorio comunale.

Madonna di Castelfiorentino
Madonna di Castelfiorentino

Collegiata dei Santi Lorenzo e Leonardo

A questo punto non resta che salire verso la parte più antica di Castelfiorentino per raggiungere piazza del Popolo dove si trovano il Palazzo del Comune e soprattutto la Collegiata dei Santi Lorenzo e Leonardo. La chiesa (XII-XIII secolo) è considerata uno dei più antichi edifici in mattoni di tutta la zona ed al suo interno conserva alcuni dipinti con le Storie di Santa Verdiana di Giovan Camillo Sagrestani, un Crocifisso di Giovanni Pisano oltre ad alcune tele realizzate da Annibale Gatti. Da questa chiesa proviene inoltre la celebre Madonna di Castelfiorentino che si trova nel Museo di Santa Verdiana.

Pieve dei Santi Ippolito e Biagio

Per completare il nostro tour a Castelfiorentino bisogna raggiungere la cima della collina dove si erge la Pieve dei Santi Ippolito e Biagio. Nata come oratorio del castello, un tempo questa chiesa dipendeva dalla Pieve di Sant’Ippolito a Elsa da cui successivamente ereditò ruolo e funzioni.

Così come la collegiata, anche la pieve presenta un paramento murario in laterizi. All’interno si possono apprezzare alcuni affreschi raffiguranti Sant’IppolitoSan Pietro martire ed un crocifisso ligneo del XIV secolo.

Pieve dei Santi Ippolito e Biagio a Castelfiorentino
Pieve dei Santi Ippolito e Biagio (Photo by Sailko / CC BY)

Nei pressi della chiesa troviamo infine un tratto della prima cerchia di mura del castello con due torri difensive, un’interessante testimonianza della natura militare che Castelfiorentino aveva in epoca medievale.

Cosa vedere nei dintorni di Castelfiorentino

Nella zona di Castelfiorentino ci sono diversi posti interessanti da visitare. Tra questi possiamo citare la Pieve dei Santi Pietro e Paolo a Coiano bellissimo edificio in stile romanico citato fin dall’XI secolo, il Castello di Oliveto la Villa di Cambiano, un tempo appartenuta anche a Cosimo de’ Medici, ed il Castello di Cabbiavoli.

Se siete interessati a visitare anche gli altri centri principali della Val d’Elsa, vi consiglio di leggere le nostre guide su San Miniato, Certaldo, San Gimignano, Poggibonsi e Colle di Val d’Elsa.

Come arrivare a Castelfiorentino

In treno: Castelfiorentino è dotata di una sua stazione ferroviaria regolarmente servita da treni regionali.

In auto: se arrivate dall’A1 potete uscire a Firenze Signa e proseguire sulla Firenze-Pisa-Livorno fino ad Empoli Ovest; da li dovete prendere la Strada Statale 429 fino a destinazione.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy