Costa degli Etruschi
Costa degli Etruschi

Guida alla visita di Bibbona e dintorni

Bibbona, dagli Etruschi al turismo balneare

Bibbona è un comune della provincia di Livorno situato in una bella zona che si estende dalle pendici delle Colline Metallifere fino alla mare. È un ambiente molto variegato in cui si alternano aree boschive e zone di aperta campagna che ci accompagnano nel tragitto tra il centro storico e la costa. Qui troviamo Marina di Bibbona, una delle località marittime più note di tutta la Costa degli Etruschi.

Le origini di Bibbona sono davvero molto antiche. Nella zona, sono stati ritrovati dei reperti risalenti al Paleolitico inferiore e numerose testimonianze della presenza etrusca. Tra queste vi sono alcuni bronzetti, tra cui una celebre statuetta che raffigura un caprone, che oggi sono conservati presso il Museo Archeologico di Firenze. Pare che anche il toponimo provenga da un nome di origine etrusca poi mutato nei secoli fino a diventare “Bibbona”.

In un rapido salto dall’antichità fino al Medioevo, troviamo Bibbona e il suo castello tra i possedimenti dei conti della Gherardesca prima di entrare nell’orbita della Repubblica di Pisa che esercitò il proprio dominio su queste terre fino al 1406, anni in cui fu annessa da Firenze.

Il Settecento fu un secolo molto importante per Bibbona perché furono avviate grandi opere di bonifica prima dal marchese Carlo Ginori e poi dal Granduca Pietro Leopoldo. Completate intorno alla metà del XIX secolo, questa bonifiche resero abitabili e coltivabili molte aree della Maremma Pisana garantendo così migliori condizioni di vita agli abitanti della zona.

Lo sviluppo come località di villeggiatura risale agli anni 70 del XX secolo quando furono costruiti diversi campeggi, residence e colonie marine per ospitare i turisti.

Cosa vedere a Bibbona

Anche se molti conoscono Bibbona come località di mare non dobbiamo trascurare il suo centro storico in cui ritroviamo caratteristiche comuni a tanti altri borghi medievali toscani. L’abitato si sviluppa seguendo il perimetro dell’antico castello e ospita alcuni edifici di notevole interesse come la Pieve di Sant’Ilario, il Palazzo del Comune Vecchio, la Chiesa di San Giuseppe, Palazzo Gardini e la Rocca mentre la Fonte di Bacco e la Chiesa di Santa Maria della Pietà si trovano subito fuori dalle mura.

Pieve di Sant’Ilario

La Pieve di Sant’Ilario si trova nel cuore del centro storico di Bibbona in piazza XX settembre. La chiesa è caratterizzata da una pianta bizzarra a forma di trapezio che è dovuta ad un ampliamento quattrocentesco che ha aggiunto una seconda navata posta sul fianco sinistro di quella principale. Il nucleo originario è in forme romaniche e risale al XII secolo. A tale periodo risalgono la facciata ed il fianco destro della chiesa mentre il portale è un rifacimento in stile.

All’interno si possono ammirare un ciborio cinquecentesco, due acquasantiere in marmo (XIV e XVI secolo) ed il dipinto Madonna del Rosario (XVI secolo).

Cosa vederea Bibbona: Pieve di Sant'Ilario
Pieve di Sant’Ilario (Photo by Giaccai / CC BY)

Chiesa di Santa Maria della Pietà

Situata subito fuori dall’ingresso del borgo, la Chiesa di Santa Maria della Pietà è un pregevole esempio di architettura rinascimentale caratterizzato da una pianta a croce greca con cupola centrale che si erge sopra un piccolo tamburo. Questa chiesa fu costruita alla fine del Quattrocento secondo il progetto di Vittorio Ghiberti e Ranieri da Tripalle.

Sugli architravi dei tre portali d’ingresso si possono leggere delle epigrafi in latino che recitano rispettivamente: “Terribilis est locus iste ets” (Terribile è questo luogo), “Hanc est domus Dei porta Coeli ets” (Questa è la casa di Dio e la porta del Cielo) e “Domus est pietatis et gratiae ets” (Questa è la casa della pietà e della grazia).

All’interno troviamo un tabernacolo dipinto con i Santi Bernardo, Paolo, Tommaso e Stefano ed una tavoletta a tempera con l’immagine della Pietà (XIV secolo) posizionati sull’altare maggiore ed una Trinità attribuita a Cesare Dandini.

Chiesa di Santa Maria della Pietà a Bibbona
Chiesa di Santa Maria della Pietà

Fonte di Bacco

La Fonte di Bacco si trova appena fuori dalle mura del castello nei pressi della sede del Comune. La struttura si compone di due parti: una parte superiore il cosiddetto “Arco di Bacco” e una parte inferiore con il lavatoio e l’abbeveratoio dove un tempo defluiva l’acqua proveniente dalla parte alta. L’Arco di Bacco ha diverse decorazioni: nella chiave di volta troviamo uno stelo che termina in una croce che ricorda quella della Repubblica Marinara di Pisa, mentre all’interno è raffigurato il giglio fiorentino.

Cosa vedere e cosa fare nei dintorni di Bibbona

Macchia della Magona

Bibbona è una località in grado di mettere insieme gli interessi più disparati e anche gli amanti della natura potranno apprezzare questa località grazie alla presenza dell’area naturale protetta Macchia della Magona. Questo grande bosco, di oltre 1600 ettari, è molto ricco di specie vegetali tipiche della macchia mediterranea, di animali autoctoni e anche di uccelli migratori. Al suo interno ci sono diversi itinerari perfetti per escursioni a piedi, in mountain bike e persino a cavallo.

Marina di Bibbona

È arrivato finalmente il momento di spostarci verso il mare per raggiungere Marina di Bibbona. Sviluppatasi intorno ad un forte costruito dai Lorena intorno alla metà del XVIII secolo, la città si è imposta come una delle principali località balneari della zona a partire dagli ultimi decenni del Novecento. Il clima mite, le lunghe spiagge sabbiose e la grande pineta hanno fatto di Marina di Bibbona un posto ideale per una vacanza rilassante e divertente adatta anche a famiglie con bambini.

Forte di Marina di Bibbona
Forte di Marina di Bibbona

La California

Adesso una curiosità: avete mai sentito parlare della California? No, non sto parlando dello Stato sulla costa ovest degli USA ma di La California la frazione di Bibbona. Il nome nasce da una storia di un’emigrazione fortunata. Un abitante della zona dopo essere emigrato in California, tornò ad abitare da queste parti con i soldi che aveva guadagnato negli States e costruì una fattoria che battezzò “La California”. Col tempo quel nome fu adottato anche dal resto del paese così adesso abbiamo un po’ di California anche in Toscana!

Bibbona rappresenta anche un buon punto di partenza per raggiungere molte altre mete di interesse sparse lungo la Costa degli Etruschi. C’è Castagneto Carducci dove potrete visitare la casa del grande poeta Giosuè Carducci; Bolgheri con il suo famoso viale alberato e il suo vino pregiatissimo; Campiglia Marittima e Populonia per una vacanza all’insegna dell’archeologia; borghi medievali come Sassetta e Suvereto ed infine Piombino con la bellissima piazza Bovio.

Come arrivare a Bibbona

Bibbona si trova a circa 45 chilometri da Livorno. Per raggiungere il borgo ci sono diverse opzioni percorribili.

Mezzi pubblici: dato che Bibbona non è servita direttamente dalla ferrovia, dovrete arrivare in treno fino a Cecina e poi prendere una autobus di linea.

In auto: venendo da nord dovrete prendere l’autostrada A12 in direzione sud e uscire a Rosignano Marittimo. Da lì, seguire in direzione Roma e proseguire sulla Variante Aurelia SS 1 fino all’uscita La California – Cecina Sud; svoltare infine su SP 39 in direzione di Bibbona. Autostrada A12 anche per chi viene da sud, poi SS 1 in direzione di Grosseto con uscita in direzione La California-Cecina Sud; solita svolta su SP 39 verso Bibbona.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy