Casentino
Casentino

Bibbiena cosa vedere: guida alla visita

Bibbiena, panno casentino e non solo

Bibbiena è uno dei centri più importanti del Casentino, il più importante da un punto di vista economico e produttivo. Il borgo si trova su un colle a breve distanza dal corso dell’Arno nella provincia di Arezzo, da cui dista circa trenta chilometri.

Anche se l’area circostante è stata abitata fin dall’epoca etrusca, la nascita del borgo di Bibbiena risale al Medioevo. In particolare, il borgo si sviluppò attorno ad un castello che tra l’XI ed il XII secolo fu di proprietà dei vescovi di Arezzo. Il controllo del castello passò poi alla famiglia aretina dei Tarlati che provvidero a potenziare le strutture difensive della rocca. Infine, nel 1360, Bibbiena fu conquistata dai fiorentini e diventò parte della Repubblica di Firenze.

Oggi Bibbiena è famosa per la produzione del panno casentino, un tradizionale tessuto di lana, verde o arancione, molto apprezzato anche dagli stilisti internazionali.

Cosa vedere a Bibbiena

Nel centro storico di Bibbiena possiamo vedere diversi edifici e monumenti di pregio ed un interessante museo archeologico.

  • Palazzo Dovizi
  • Chiesa di San Lorenzo
  • Palazzo Comunale
  • Museo Archeologico del Casentino
  • Propositura dei Santi Ippolito e Donato
  • Torre dell’Orologio

Iniziamo la nostra visita da via Dovizi, dove troviamo il seicentesco palazzo Dovizi e la Chiesa di San Lorenzo del 1474. All’interno della chiesa sono conservate due pale d’altare in terracotta invetriata attribuite ad Andrea della Robbia; le due opere raffigurano l’Adorazione e la Deposizione dalla Croce.

Percorrendo tutta via Dovizi si raggiunge il Palazzo Comunale (XVI secolo) e poco oltre, svoltando sulla desta in via Berni, il Museo Archeologico del Casentino.

Museo Archeologico del Casentino

Riallestito nel 2010 all’interno del Palazzo Niccolini in via Berni, il Museo Archeologico del Casentino espone reperti che spaziano su un lungo periodo che va dalla Preistoria alla tarda età romana. Il percorso museale è articolato in 6 sale incentrate sulla preistoria, gli insediamenti etruschi, i santuari etruschi, il Lago degli Idoli (un grande sito archeologico del Monte Falterona) e l’età romana; l’ultima sala è dedicata alle mostre temporanee.

Indirizzo: via Berni 21

Orari:
Ottobre – Aprile: mercoledì-venerdì 9.30-12.30; sabato-domenica 10.00-12.30 e 15.30-18.00
Maggio, Giugno e Settembre: martedì-giovedì 9.30-13.00; venerdì 9.30-13.00 e 16.00-19.00; sabato-domenica 10.00-13.00 e 16.00-19.00
Luglio – Agosto: martedì-mercoledì 9.30-13.00; giovedì-domenica 9.30-13.00 e 15.00-19.00

Biglietti: intero 3 euro; ridotto 1 euro (ragazzi 8-14 anni, gruppi); gratuito under 8, disabili, guide turistiche
Visita guidata: (tariffa oraria): 25 euro + 1 euro a persona
Laboratori didattici: 4 euro a bambino

Sito web

Propositura dei Santi Ippolito e Donato

Usciti dal museo, riprendiamo adesso via Berni verso destra e percorriamola quasi fino in fondo, dove troviamo delle scalette che ci permettono di raggiungere la chiesa Propositura dei Santi Ippolito e Donato. Fondata agli inizi del XII secolo, la chiesa è stata più volte ristrutturata. All’interno si conservano diverse opere come la Croce attribuita al Maestro di San Polo in Rosso; la Madonna con Bambino in trono e angeli di Arcangelo di Cola da Camerino; il trittico di Bicci di Lorenzo raffigurante Madonna in trono con i Santi Ippolito, Giovanni Battista, Iacopo e Cristoforo; Madonna con Bambino e i Santi Michele e Antonio Abate di Jacopo Ligozzi e un’Annunciazione di Giovanni Balducci.

Bibbiena cosa vedere Propositura
Propositura dei Santi Ippolito e Donato (Photo by vignaccia76CC BY)

Infine, sulla sinistra della Propositura in piazza Tarlati, troviamo i resti dell’antico castello, ovvero la Torre dell’Orologio ed una più piccola che sorge alle spalle di questa.

Bibbiena cosa vedere nei dintorni

Nei dintorni di Bibbiena meritano sicuramente una visita il Santuario di Santa Maria del Sasso (1 Km), un bellissimo esempio di architettura ecclesiastica rinascimentale. In Casentino ci sono anche altri importanti luoghi di spiritualità come il Santuario della Verna e l’Eremo di Camaldoli. Tra i borghi invece, vi consigliamo di visitare Stia, Raggiolo e soprattutto Poppi con il suo straordinario castello.

Bibbiena cosa vedere Santuario di Santa Maria del Sasso
Santuario di Santa Maria del Sasso (Photo by vignaccia76CC BY)



Booking.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa estesa sui cookie. All’interno del sito c’è sempre un link all’informativa estesa. Cliccando sull’apposito tasto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy