Crete Senesi
Crete Senesi

Cosa vedere ad Asciano nelle Crete Senesi

Il borgo di Asciano in provincia di Siena

Adagiato su un’altura nell’alta valle dell’Ombrone, a breve distanza dalla riva sinistra del fiume, il borgo di Asciano è uno dei principali centri delle Crete Senesi.
Il centro storico del borgo, sviluppato lungo una via principale, corso Matteotti, è ancora parzialmente delimitato dalla cinta muraria trecentesca su cui si stagliano alcune torri difensive di varie altezze.

Asciano cosa vedere

Asciano conserva numerosi edifici di qualità ed un cospicuo patrimonio artistico, vediamo quali le principali cose da vedere:

  • Museo di Palazzo Corboli
  • Torre della Mencia
  • Basilica di Sant’Agata
  • Chiesa di San Francesco
  • Museo Amos cassioli
Asciano cosa vedere: la Porta dei Bianchi
Porta dei Bianchi (Photo by Sailko / CC BY)

Museo di Palazzo Corboli

Attraversando Porta dei Bianchi, si accede al corso principale su cui si affacciano molti dei principali punti di interesse di Asciano. Sulla sinistra, uno dei primi edifici che incontriamo è Palazzo Corboli, sede del Museo di Palazzo Corboli, per esteso Museo civico archeologico e d’arte sacra palazzo Corboli; all’interno del palazzo infatti ci sono non uno ma ben due musei.

Il museo di arte sacra si snoda tra il primo ed il secondo piano del palazzo, dove possiamo ammirare diverse opere di grande livello attribuite a maestri del calibro di Giovanni Pisano, Segna di Bonaventura ed Ambrogio Lorenzetti. Tra le tante opere esposte spicca la Natività della Vergine del Maestro dell’Osservanza, considerata uno dei capolavori assoluti del Quattrocento senese.

Cosa vedere ad Asciano: Natività della Vergine del Maestro dell'Osservanza
Maestro dell’Osservanza – Natività della Vergine

Arrivati a metà del secondo si accede alla sezione Archeologica. Qui si trovano esposti i reperti provenienti dagli scavi della Valle dell’Ombrone, come quelli della necropoli di Poggio Pinci e del tumulo di Molinello; dalla necropoli del Poggione (nel comune di Castelnuovo Berardenga) e dalle Terme romane di Campo Muri (nella zona di Rapolano Terme). Si tratta di una collezione davvero vasta di reperti etruschi e romani. Il museo nel complesso è una vera e propria sorpresa, da visitare assolutamente!

Museo di Palazzo Corboli - Calchi di elmi a maschera
(Photo by Sailko / CC BY)

Orari:
Novembre – Marzo: sabato, domenica e festivi: 10.00-13.00 e 15.00-18.00
Aprile – Giugno e Settembre – Ottobre: tutti i giorni: 10.00-13.00 e 15.00-19.00
Luglio – Agosto: tutti i giorni: 10.00-13.00 e 17.00-22.00

Biglietti: intero 5 euro; ridotto 4 euro

Torre della Mencia

Proseguendo su corso Matteotti, si incontrano la chiesa di Sant’Agostino, sulla sinistra, e poi, sulla destra, la Torre della Mencia (o torre civica): un’elegante torre medievale, ampiamente rimaneggiata nel corso del Cinquecento, quando venne collocata una campana nella sua sommità.

Asciano Torre della Mencia
Torre della Mencia (Photo by Sailko / CC BY)

Deviando in via Amos Cassioli, si arriva in piazza del grano dove è collocata una fontana monumentale, opera di Antonio Ghini, datata 1472.

Basilica di Sant’Agata

Tornando sul corso principale troviamo la Basilica di Sant’Agata. Posta in cima ad una gradinata questa bella chiesa romanica, fondata nel XI secolo, presenta numerosi elementi architettonici di origine lombarda. Al suo interno sono conservate alcune opere come un affresco, sul lato destro, raffigurante la Madonna con Bambino, un crocifisso ligneo del XV secolo ed una pietà affrescata sulla parete sinistra.

Asciano cosa vedere: la Basilica di Sant'Agata
Basilica di Sant’Agata (Photo by Vignaccia76 / CC BY)

Chiesa di San Francesco

Giunti al termine del corso, sulla destra possiamo proseguire in direzione del convento di San Francesco costruito nel corso del XIII secolo. La chiesa intitolata a San Francesco, rimaneggiata nel corso del XVII secolo, conserva alcuni affreschi trecenteschi.

Asciano cosa vedere: Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Francesco (Photo by Vignaccia76 / CC BY)

Museo Cassioli

Tornando indietro, prendete via Mameli da cui potrete raggiungere il Museo Cassioli, dedicato all’artista locale Amos Cassioli (1832-1891) e al figlio Giuseppe (1865-1942).

Orari:
Novembre – Marzo: sabato e domenica10.30-13.30 e 15.00-18.00
Aprile – Giugno e Settembre – Ottobre: domenica e martedì: 10.00-13.00 e 15.00-18.00
Luglio – Agosto: domenica e martedì: 10.00-13.00 e 17.00-20.00

Biglietti: intero 5 euro;  ridotto 4 euro

Biglietto cumulativo (Museo di Palazzo Corboli + Museo Cassioli): intero 7 euro; ridotto 5 euro
Gratuito per bambini sotto i 6 anni, portatori di handicap e accompagnatori e residenti se accompagnatori di ospiti.

Cosa vdere nelle vicinanze di Asciano

Nelle vicinanze di Asciano segnaliamo la località termale di Rapolano Terme e la presenza del alcuni interessanti siti archeologici come la necropoli etrusca di Poggio Pinci (databile dalla seconda metà del V secolo a.C.) e il tumulo di Molinello (VII-I secolo a.C.).

Sulla strada per Buonconvento, merita assolutamente una visita l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore.

Dove mangiare ad Asciano

Sul corso principale del borgo, vogliamo segnalarvi un locale molto carino chiamato La Botteghina. Ideale per un pranzo veloce, in questo piccolo locale tradizionale potrete assaggiare numerosi prodotti locali di ottima qualità.



Booking.com

Potrebbe interessarti anche...

Cosa vedere a Trequanda e nei dintorni
L’abbazia di Monte Oliveto Maggiore
Cosa vedere e cosa fare a Rapolano Terme
Cosa vedere nelle Crete Senesi
Da Mario a Buonconvento
La Botteghina di Luisa ad Asciano

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cliccando sull'apposito tasto acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy